Iscriviti alla nostra newsletter

Tieniti aggiornato su tutte le novità!

Hai bisogno di aiuto?

Servizio clienti:

  • 346 / 7301377

Az. Agr. Cordero di Montezemolo

Anno di Fondazione: XVIII sec

Ettari coltivati a vite: 37ha
Produzione Bottiglie Anno
Vini principali: Dolcetto d'Alba DOC, Barolo DOCG, Barbera d'Alba DOC, Nebbiolo DOC
 
Uve: 100% di proprietà
Indirizzo: Fr. Annunziata, 67, 12064 La Morra (CN)
Regione: Piemonte


 

 

 

 

I vini della cantina



L'azienda oggigiorno si estende su 28 ettari in un singolo corpo e si estendono in tutte le direzioni nelle vicinanze dei fabbricati situati sulla cima del colle, a cui sommano 2 ettari a Castiglione Falletto e 7 ettari in affitto nell'area del Roero. I vigneti, coltivati con le tradizionali varietà locali (Nebbiolo, Dolcetto, Barbera, Arneis) vantano posizioni esclusive e pregiate, piante di età avanzata e un sottosuolo inimitabile e articolato. Una superficie preziosa che, stagione dopo stagione, lavora per concepire alcuni dei vini che affermano il Piemonte nel mondo.


La storia della Tenuta Monfalletto, di proprietà di uno dei vari rami della famiglia Falletti, la più rilevane famiglia nobile dell’Albese, s’intreccia con quella dei Cordero di Montezemolo quando Maria Lydia, figlia della Marchesa Luigia Falletti, sposa Paolo Cordero di Montezemolo nel 1918. La coppia, sfortunata, muore prematuramente ma non prima di mettere alla luce un figlio maschio anch’esso di nome PaoloQuest’ultimo, rimasto orfano all’età di 15 anni, cresce sotto la cura e la dottrina della nonna materna, la Marchesa Luigia Falletti. Alla morte di questa, nel 1941, tutte le proprietà, inclusa la bellissima Tenuta del Monfalletto di La Morra, passano direttamente in eredità la nipote Paolo. Antichi testi testimoniamo la florida ed importante attività agricola del fondo, adagiato su un rilievo collinare unico e privilegiato. La produzione di vini, su questa collina, è documentata da oltre 200 anni.


PayPal

Wist Srl | P.Iva: 01593640194 | CR-185575 | capitale sociale 10.000€ Credits

Seguici su